Grazie Signore Grazie - Teatro di Vetro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Grazie Signore Grazie

Dalla formazione dei Cavalli Marci negli anni Novanta al tormentone televisivo di “Grazie, Signore grazie" con i Papa boys della Valleluja, fino alle esperienze con il teatro della Tosse di Genova e al teatro di coinvolgimento con Shakespeare: Alessandro Bergallo è l'attore di Babele, la confusione creativa delle lingue, il confine sottile tra il Bosone di Higgs e la pippa mentale, la sintesi e il dissipamento. Varcati i Cinquanta, eccolo in una nuova forma di varietà in cui moltiplica le proprie personalità oltre ogni limite fisico. Un one-man-show con monologhi, canzoni, personaggi, comicità e ospiti a sorpresa. Un palinsesto personale dalla deflagrazione assicurata e imprevedibile.

Alessandro Bergallo è un attore, comico e autore. Dopo le  prime esperienze giovanili col teatro, inizia la carriera di cabarettista ed entra a far parte dei Cavalli Marci dal loro esordio nel 1991 fino al 1998 quando fonda il gruppo Quellilì. Bergallo vanta molte esperienze televisive: in particolare partecipa al programma televisivo di Rai Due Bulldozer a partire dal 2003, per tutte le tre edizioni, col gruppo de “I Valle Luja” che si conquista la notorietà con il tormentone “Grazie Signore Grazie” e con il quale partecipa come inviato a Quelli che il calcio e come ospite a Domenica in; entra a far parte del cast 2007 di Colorado Cafè su Italia Uno col personaggio di “yoda” tratto dalla saga di guerre stellari; sempre nel 2007 partecipa alla trasmissione comica di cabaret Tribbù in onda su Rai Due, nel 2011 partecipa alla quinta serie di Camera Caffé e interviene come monologhista nella trasmissione Lillit di Debora Villa su Rai Tre.
 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu